Terzo posto per l’aereo ibrido Eco Eagle alla gara green della Nasa

Eco Eagle, il primo aereo ibrido a Impatto Zero, è arrivato terzo alla competizione Green Flight Challenge 2011 organizzata dalla Nasa e sponsorizzata anche da Google.

La gara mira a promuovere le tecnologie a bassi consumi con la riduzione delle emissioni di CO2, grazie a modelli di aeroplani che sfruttano carburanti puliti, energie rinnovabili e tecnologie di propulsione “green.

 La manifestazione si è tenuta in California e ha visto avvicendarsi diversi prototipi di aeroplani che usano tecnologie verdi ecocompatibili.

Per vincere la competizione, l’aereo doveva volare per 200 miglia (370 chilometri) in meno di due ore e usare meno di un gallone (3,79 litri) di carburante per occupante, o l’equivalente in elettricità.

L’Eco Eagle è stato progettato dagli studenti dell’università aeronautica Embry-Riddle di Cape Canaveral a alla sua realizzazione ha partecipato anche Lifegate.

Subscribe to EcoPensiero – efficienza e sostenibilità by Email

Add to FacebookAdd to DiggAdd to Del.icio.usAdd to StumbleuponAdd to RedditAdd to BlinklistAdd to TwitterAdd to TechnoratiAdd to Yahoo BuzzAdd to Newsvine

Pubblica un Commento

Required fields are marked *

*
*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: