Eco-birra: Carlsberg riduce l’impatto ambientale con i fusti a zero CO2

Addio vecchi fusti di acciaio: Carlsberg ha ideato e realizzato fusti in Pet totalmente riciclabile e ultraleggeri, che permettono una spillatura senza CO2 aggiunta.

La tecnologia, denominata Modular 20, è stata oggetto di analisi dello Iefe Bocconi (Istituto di economia e politica dell’energia e dell’ambiente) che ne ha valutato il carico energetico e ambientale.

Considerando gli impatti generati dal quantitativo totale di birra Carlsberg distribuito nell’anno 2010 tramite fusti tradizionali, e confrontandoli con quelli distribuiti tramite quelli in Pet, emerge una valutazione nettamente a favore di quest’ultimo”, spiega Fabio Iraldo, direttore di ricerca allo Iefe che ha coordinato lo studio e presentato i dati durante l’evento organizzato presso la “temporary drink different area” di Carlsberg a Milano.

Nello specifico, i vantaggi ambientali associati alla nuova tecnologia sono quantificabili in emissioni di CO2 evitate pari a quelle assorbite in un anno da 427 ettari di bosco (una superficie come quella di 542 campi da calcio) ed equivalente a 170.914 nuove piante.

Un risparmio di energia pari alla produzione annua di tre pale eoliche di media taglia (da 2,3 MW di potenza ciascuna), equivalente all’energia necessaria a illuminare uno stadio per 2696 partite di calcio.

Infine, una riduzione di emissioni in atmosfera in grado di causare il fenomeno delle piogge acide pari a quelle emesse da circa 2.500 viaggi in bus da Roma a Milano.

 

Subscribe to EcoPensiero – efficienza e sostenibilità by Email

Add to FacebookAdd to DiggAdd to Del.icio.usAdd to StumbleuponAdd to RedditAdd to BlinklistAdd to TwitterAdd to TechnoratiAdd to Yahoo BuzzAdd to Newsvine

Pubblica un Commento

Required fields are marked *

*
*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: